L’Isernia vuole lo scudetto. Termoli 1920 e O. Agnonese, si presentano con ambizioni nascoste.

2 min read
Condividi

I tre team iniziano il torneo con programmi espressi diversamente, ma nessuno è disposto a lasciare sul campo i tre punti alla prima giornata.

 

 

 

 

 

Il Campionato di Eccellenza si avvicina all’esordio. E prima che il torneo si mette in moto, iniziano i primi pronostici. L’Isernia è in cima alla classifica, l’ha dimostrato già nelle prime due gare della manifestazione tricolore regionale. Dodici gol fatti e solo uno subito, una vera macchina da gol, con tutti i limiti degli avversari, due compagini che partecipano al campionato di Promozione. Test meno importanti, ma l’organico del team biancoceleste è stato composto per vincere il torneo a mani basse, ma dal dire e il fare c’è da attraversare il mare, un detto che non si smentisce mai, e poi il calcio riserva sempre delle sorprese, alla chiusura, l’otto di maggio del 2022 il verdetto sarà emesso da quello che Panico e compagni avranno espresso sul campo. Nella prima giornata all’Isernia è toccato il Pietramontecorvino di D’Angelo, test importante, perché la compagine dauna in Coppa Italia si è dimostrata alla pari dell’Isernia: undici gol fatti e solo uno subito.

L’altra candidata, anche se la dirigenza non ne fa parola, è il Termoli 1920. La rosa giallorossa è composta sì da giovani, ma quasi tutti con un curriculum da fare invidia anche ai calciatori ‘maturi’: Eccellenza a vincere, Serie D e qualcuno ha assaggiato anche la Serie C. Al Termoli dei giovani non manca nulla, più di qualcuno degli addetti ai lavori, iniziano a scommettere qualche euro per la vittoria finale, se non ci sarà l’incoronamento, sicuramente sarà attore del campionato. I primi passi del nuovo Termoli sono stati più che lusinghieri, anche se con il Polis Petacciato ha dovuto soffrire più del previsto per portare a casa la vittoria, comunque in Coppa Italia si è assicurato il passaggio al turno successivo. Il Termoli 1920 sabato dovrà verificare il suo potenziale contro una Aurora Ururi zeppa di giovanissimi, sarà un confronto tra calciatori nati attorno al 2000, una prova interessante per entrambi i team.

L’Olympia Agnonese, che riparte dalle radici, in sostanza dai ragazzi locali, con qualche punto di esperienza che non guasta mai. La dirigenza non ne fa parola, anzi, si pronuncia: iniziamo da zero. Ma l’aspirazione di risalire in fretta è tanta. Intanto la qualificazione al turno successivo in Coppa è già in tasca, l’esordio in campionato non è dei più difficili, sabato sarà ospite del Campobasso 1919 che ancora dovrà capire che campionato disputare, visto che nella manifestazione tricolore non ha destato grande impressione.


Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Direttore Responsabile Alfonso Sticca
Telefono: 3804334618
Testata registrata al Tribunale di Campobasso n.2/2020 R.Periodici n. 726/2020 Cron.