8 Febbraio 2023

Calcio a 5 – Sporting Venafro, l’under 19 fa la storia: superato il Chieti e centrato il quarto posto.

5 min read
La festa bianconera a fine gara

Per i bianconeri arriva anche la qualificazione alla Coppa Italia di categoria

 

SPORTING VENAFRO 7 – CITTÀ DI CHIETI 6 (primo tempo 3-3)

SPORTING VENAFRO: Pascale Cr., Felace, De Paola, Mancone, Giliberti; Marino Chr., Pascale S., Di Lucente, Tartaglione, Vollucci, Verrecchia, Pangrazio. All.: Zancanaro.

CITTÀ DI CHIETI: Mincarini, Della Valle, D’Elia, Petaccia Fr., Sprecacenere; Del Grosso, Proietto, Falcone, Di Cristofaro, Virdis, Crusafio, Santarelli. All.: Farinacci.

ARBITRO: Calenzo (Formia).

CRONOMETRISTA: Capraro (Isernia).

RETI: 5’51”, 17’38” e 39’44” Felace (SV), 7’54” (aut.) Della Valle (SV), 10’21”, 31’23” e 36’48” Della Valle (CDC), 12’00” D’Elia (CDC), 12’58” Proietto (CDC), 22’50” Giliberti (SV), 34’08” Mancone (SV), 37’36” De Paola (SV), 38’59” Crusafio (CDC).

NOTE: al 35’04” allontanato per proteste il dirigente accompagnatore del Città di Chieti Alessandro  Petaccia. Espulso al 36’48”, nel Città di Chieti, Sprecacenere per condotta non regolamentare. Ammoniti Marino Chr., Felace e Vollucci (SV); Petaccia Fr. e D’Elia (CDC). Tiri liberi: Sporting Venafro 0/0; Città di Chieti 0/1.

 

Un regalo di Natale anticipato. La formazione under 19 dello Sporting Venafro chiude il girone d’andata del girone R del proprio torneo di competenza al quarto posto, conquistando anche la qualificazione alla Coppa Italia, dove, al primo turno, troverà il quintetto campione d’inverno e lo fa – nella sfida spareggio contro il Città di Chieti – imponendosi per 7-6 in una sfida dalle mille emozioni, stavolta però con punteggio a favore, com’era stata quella dei propri senior al sabato contro l’Academy Pescara.

C’è grande voglia di centrare il successo pieno su entrambi i fronti e, in avvio, sono gli ospiti a rendersi pericolosi con Petaccia che impensierisce Pascale, costretto a rifugiarsi in angolo. La risposta bianconera è in una discesa di Felace che va alla conclusione, ma mette fuori di poco. È il prologo al vantaggio messo a segno da Felace che, ispirato da Giliberti, si trova in uno contro uno con Mincarini, beffandolo. Forti del vantaggio, gli Zancanaro boys raddoppiano con un tiro-cross di Mancone dalla destra su cui Della Valle interviene infilando il proprio portiere nel tentativo di anticipare Felace. Nonostante il doppio svantaggio, i teatini non si arrendono e si riportano sotto, sugli sviluppi di un corner, con Petaccia che mette al centro e Della Valle che realizza. Un appoggio sbagliato di Di Lucente costa il pari con D’Elia che recupera palla e di destro impatta. Gli abruzzesi, poi, colpiscono una traversa con Proietto, poi è D’Elia a siglare il sorpasso su assist di Petaccia. Il Venafro prova a ritrovare la parità con più di qualche tiro dalla distanza, ma deve fare i conti con le transizioni abruzzesi (Pascale è determinante in più di una circostanza). Mancone, messo in moto da Vollucci, mette in ambasce Mincarini ed è il prologo al 3-3 firmato da Felace (secondo gol di contesa) abile, su assistenza di Vollucci, a spiazzare Mincarini e a realizzare con un colpo di grande tecnica. La gara si surriscalda e, sul taccuino dell’arbitro, prima della fine della frazione, sono ben quattro gli ammoniti (due per parte). L’estremo difensore bianconero Pascale, tra l’altro, lamenta anche di aver preso una botta al viso tale da destabilizzarlo e costringerlo al ghiaccio sul volto nell’intervallo. Tuttavia, stoicamente, con Pangrazio a riscaldarsi, torna sul parquet nella ripresa ricevendo gli applausi convinti dei sostenitori bianconeri.

Questa testimonianza di resilienza sprona i compagni che in avvio si rendono pericolosi con Felace, messo in moto nuovamente da Giliberti. Ci prova poi Mancone con Mincarini che mette in corner, ma il nuovo vantaggio bianconero è dietro l’angolo con Giliberti che di destro sigla il 4-3, finalizzando al meglio una bella intuizione di Vollucci.  D’Elia ha poi l’opportunità di impattare, ma Pascale è determinante. Felace sembra avere un problema alla spalla dopo un duro contatto, ma, al pari di Pascale, getta il cuore oltre l’ostacolo. Gli ospiti, poi, colpiscono un palo con Crusafio nel novero di una contesa in cui la tensione si taglia con il coltello. Della Valle trova il 4-4, dopo aver ricevuto palla da Petaccia, con un tiro dall’out di destra che finisce sotto la traversa. Felace ha poi l’opportunità, in uno contro uno, di portare i venafrani sul 5-4, ma il suo tiro finisce addosso all’estremo difensore teatino. Il nuovo vantaggio bianconero lo sigla comunque Mancone con un eurgol: rubata palla a centrocampo, salta due avversari e con un diagonale realizza con una traiettoria che prima colpisce il palo e poi finisce in fondo al sacco. Della Valle però al suo terzo gol di giornata fa 5-5 e, nella circostanze, viene anche espulso Sprecacenere che aveva spintonato Felace per recuperare palla. Così i bianconeri si ritrovano con l’uomo in più, finalizzando anche il 6-5 con De Paola, abile a sfruttare un bel passaggio di Felace. A questo punto, gli abruzzesi provano l’opzione del gioco a cinque e si conquistano un tiro libero per un fallo su Della Valle. Petaccia, però, mette fuori l’esecuzione dai nove metri. Crusafio trova il pari a poco più di un minuto dalla fine, ma a sedici secondi dalla sirena Felace ruba palla e realizza a porta vuota, siglando il definitivo 7-6 e completando la propria tripletta personale.

«È stata davvero una partita bella ed intensa, disputata con tanto agonismo di quei match davvero belli da giocare – l’analisi, a fine gara, del tecnico dei venafrani Marcio Zancanaro – sono oltremodo felice per i ragazzi che hanno dato di tutto ed anche di più. Stavolta, a differenza del team senior che mi vedeva impegnato direttamente sul parquet, gli episodi sono stati a noi favorevoli. Questo quarto posto al giro di boa e la qualificazione alla Coppa Italia under 19, risultato storico per il club, sono il miglior premio per il lavoro di questo gruppo. Il match con il Chieti ci ha fatto mettere in mostra e consentito di comprendere i nostri limiti e le nostre peculiarità. Considerando com’è fatto il nostro girone, avere anche l’appuntamento del trofeo tricolore ci darà almeno un impegno in più (si giocherà il prossimo 18 dicembre sul campo della vincitrice del raggruppamento e potrebbe profilarsi anche l’ipotesi di un derby, ndr) prima di ritornare in campo a metà gennaio, così da non proiettarci solo sul quel match».

In campionato, infatti, ora per i bianconeri ci sarà da attendere il nuovo anno e, nello specifico sino al 15 gennaio, quando per l’undicesima giornata – la seconda del girone di ritorno – gli Zancanaro Boys saranno ospiti di un Academy Pescara Futsal, sconfitta all’andata – sul parquet del PalaPedemontana, lo scorso 23 ottobre – col punteggio di 6-1.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.