13 Giugno 2024

Calcio a 5 B – Sporting Venafro, ultima stagionale senza sorrisi: il Frosinone si impone al PalaPedemontana.

3 min read

Sporting Venafro-Frosinone (foto Gennaro Casolaro)

            

SPORTING VENAFRO 4 – AMB FROSINONE 6 (primo tempo 4-4)

SPORTING VENAFRO: De Alescandris, Giliberti, Zancanaro, Iacovino G., Felace; Cimino, Tartaglione, Grande, Vollucci, Verrecchia, Pangrazio. All.: Primavera W.

AMB FROSINONE: Maggi, Collepardo, Cellitti, Luciani, Sciaudone; D’Arce, Mimura, Savelloni, Izzo,  Titoli, Bonato Siqueira, Foti. All.: Pappa.

ARBITRI: Pannese (Ariano Irpino) ed Arminio (Nola).

CRONOMETRISTA: Festa (Isernia).

RETI: 3’49” e 18’25” Felace (SV), 6’11” Savelloni (AMBF), 11’54” Mimura (AMBF), 14’15” Zancanaro (SV), 14’37” Cellitti (AMBF), 15’40” Collepardo (AMBF), 18’55” Iacovino G. (SV), 24’43” Sciaudone (AMBF), 30’14” Luciani (AMBF).

NOTE: espulso al 32’20”, nello Sporting Venafro, Vollucci per somma di ammonizioni. Ammoniti Grande, Iacovino G. e Zancanaro (SV); Mimura e Collepardo (AMBF). Tiri liberi: Sporting Venafro 0/0; Amb Frosinone 0/0.

 

Ultima stagionale senza sorrisi per lo Sporting Venafro che, nel match interno con il Frosinone, saluta la stagione incappando nella quarta sconfitta consecutiva, ma – come avvenuto già a Celano – creando problematiche nella prima frazione ad un quintetto che andrà a fare i playoff promozione e che è stato seguito, al PalaPedemontana, da un nutrito drappello di supporter. A lungo andare, però, il gruppo affidato a Walter Primavera deve fare i conti con la malasorte (un palo), le assenze per squalifica (quelle di Di Paolo e Fetta nella circostanza) e con l’ennesima espulsione di una stagione abbastanza complicata da questo punto di vista.

Ancora una volta, però, l’avvio è di marca bianconera con Grande e Zancanaro che si rendono pericolosi.  La pressione costante porta al vantaggio di Felace (gran colpo al volo), ma i ciociari impattano con Savelloni e passano in vantaggio col nipponico Mimura. Il capitano dei bianconeri – il brasiliano Zancanaro – trova però il punto del pari mettendo a frutto un bell’assist di Giliberti. Cellitti e (col portiere di movimento) Collepardo danno il doppio vantaggio al Frosinone, ma il carattere dei bianconeri è immenso e dopo una buona occasione di Iacovino, Felace di rapina e Gianni Iacovino sugli sviluppi di un corner impattano all’altezza dell’intervallo.

Nella ripresa Felace e Iacovino si fanno pericolosi in avvio,  ma in transizione Sciaudone riporta avanti gli ospiti. Zancanaro coglie il palo e dal possibile 5-5 si passa al 4-6 firmato da Luciani. L’espulsione di Vollucci (somma di ammonizioni) è un colpo duro, ma i bianconeri ci provano sino alla fine, schierando anche il portiere di movimento (Iacovino con la casacca), anche se, col gioco a cinque, si creano due occasioni (Cimino e Felace), ma senza che il punteggio si muova.

«Ancora una volta paghiamo dazio alle squalifiche – spiega al termine il trainer Walter Primavera – anche se chi è sceso in campo ha comunque dato un grande contributo. Nella ripresa, purtroppo, l’espulsione ha finito per incidere sulle nostre energie sul finale. Però, abbiamo giocato alla pari e abbiamo dato il massimo, a fronte di una squadra che ha messo in campo tutti i titolari per entrare con la miglior posizione possibile nei playoff. Abbiamo onorato il campo, ci siamo ben disimpegnati e abbiamo senz’altro cercato di fornire uno spettacolo gradevole al nostro pubblico».

Ora, per i venafrani, occorrerà guardare in prospettiva: «Dovremo metterci a tavolino e verificare anche quella che sarà la situazione PalaPedemontana al centro di annunciati lavori quest’estate e di dubbi. In più ci saranno da considerare le prospettive dei ragazzi base del nostro organico. Ma saranno aspetti che andremo a definire meglio nelle prossime settimane dopo le opportune valutazioni», chiosa lo stesso Primavera.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

www.corrieresport.it Registro stampa n 726/2020 del 30/06/2020 Tribunale di Campobasso. Direttore Responsabile Alfonso Sticca. Sede legale: Via Liguria 31/B, 86100 Campobasso