24 Giugno 2024

‘Sulla strada dei sogni’, l’ultimo libro di Paolo Greco che incoraggia i giovani a inseguirli e realizzarli.

4 min read

Il testo, che si addentra dentro un tema affascinante e difficile, sarà presentato venerdì 10 novembre, alle ore 18, a Isernia nella Biblioteca Romano

ISERNIA. Tutti facciamo sogni e ne custodiamo qualcuno nel cassetto, tuttavia sembra che non ci sia più spazio in questo nostro tempo per i bei sogni. La pandemia, i conflitti armati, la società complessa e dalla logica del mercato sempre più imperante, pervasiva e massificante sembrano aver spezzato la matita dell’immaginazione. I sogni sembrano possibili soltanto per chi è forte, esteticamente attraente ed ha una disponibilità economica come fa notare il noto cantautore romano Ultimo che ha dato voce ai “sogni appesi” di tanti giovani, i quali tuttavia non si rassegnano all’omologazione dello star system. Nell’intimo di ciascuno, anche per i brutti anatroccoli e per le pippe si nasconde l’entusiasmante possibilità dell’originale bellezza che si comunica in un modo del tutto creativo attraverso i sogni che custodiamo.

È questo il tema del piccolo testo che Paolo Greco- docente di religione, scrittore e giornalista pubblicista- con la passione che lo contraddistingue, ci consegna e che verrà presentato venerdì a Isernia alle ore 18 presso la Biblioteca Romano. ‘Sulla strada dei sogni. I giovani e il nuovo che accade’ è un libro ricco di sogno e di futuro, pieno di coraggio, perché prova ad addentrarsi dentro un tema affascinante e difficile al contempo, senza cadere nello scontato e nel banale. Le pagine che abbiamo tra le mani cercano di cogliere non tanto l’aspetto sdolcinato e semplicistico del sogno, bensì quello più realistico, infatti l’autore colloca l’argomento dentro l’attuale, contrassegnato dalle tensioni, le contraddizioni e le molteplici spinte che l’attraversano.

Dentro questo magma che sembra paralizzare tutte le energie e un pensiero strisciante che ci vorrebbe tutti uguali ed inquadrati, l’immaginazione rischia di spegnersi, la creatività bloccarsi e la fiducia nel futuro rompersi. Avvertiamo un vuoto d’aria, una mancanza di ossigeno, una speranza minacciata. I sogni belli appaiono morti. Ma senza sogni la vita è come un cielo senza stelle, mentre al contrario anche un solo sogno ha il potere di “ribaltarci la vita” come scrive Pierluigi Ricci nella Prefazione al testo.

I sogni hanno ancora diritto di cittadinanza nella nostra esistenza, esprimono emozioni e desideri, contengono qualcosa di umano e di divino, investono talenti e accendono passioni, disegnano creativamente un domani dalle grandi possibilità. I sogni però ci chiedono di essere liberati dalle catene che li tengono prigionieri, dalla paura di crederci e il coraggio di realizzarli.

I sogni colorano le nostre giornate e ci permettono di gustare la vita, ci sospingono più in là, sulla strada certamente rischiosa ma anche affascinante del futuro, che non è da venire ma accade nel presente dell’esistenza, dove ciascuno trova la melodia e segna il proprio originale passo di danza.

Paolo Greco in questo nuovo lavoro provoca il lettore a fidarsi dell’invisibile che si muove dentro le nostre esistenze per superare il timore del visibile che blocca tante nostre energie e risorse, incoraggiando allo slancio verso i grandi ideali. Fa suo l’invito di papa Francesco rivolto ai giovani di tutto il mondo, quello di “mettersi con coraggio sulla strada dei sogni”. Precisamente a loro si rivolge, ma parla pure alle famiglie e agli adulti che hanno la responsabilità di accompagnarli nel cammino della crescita.

I giovani quelli che hanno pagato il prezzo più alto di questi nostri convulsi giorni, eppure sono ancora loro la soluzione e non il problema di questo nostro convulso tempo, il nuovo che accade, perché capaci di fare bei sogni, anche se poi faticano a realizzarli. Il libro ci spinge a recuperare l’audacia del sognare, a superare le colonne d’ercole del pessimismo e incamminarsi verso una promessa che ciascuno porta con sé, perché sognare è vivere! Perché nessuna esistenza è sbagliata, senza qualcosa da dire. Perché ogni vita è custode di un sogno che dà forma al mondo, anche se a volte è un’impresa audace e ci vuole del fegato per intraprendere la strada della sua realizzazione.

La lettura di queste pagine vuole stuzzicare e provocare la volontà di alzarsi dalla comfort zone dove spesso preferiamo posizionarci e allacciarsi le scarpe per mettersi in viaggio, di uscire dalle proprie comodità per iniziare a camminare sulla strada dei desideri e dell’immaginazione di un domani migliore. Principalmente di liberare i sogni belli dalle catene che li tengono fermi e a non farne degli idoli per costruirne soltanto carriere, quanto ispirazioni che aprono cammini e processi di crescita. A tutti quelli che sulle tracce di questo testo, vorranno usarlo non solo per riaccendere i personali sogni, ma anche per aiutare gli altri a riaccendere i propri, buona lettura.

PAOLO GRECO (autore del libro) è nato a Singen in Germania 1978, è sposato ed ha due bimbi. Ha conseguito il Baccellierato in Filosofia e in Teologia presso l’Università Pontificia Salesiana a Roma e la Licenza Specialistica in Teologia Fondamentale presso la Facoltà Teologica di Assisi associata all’Università Pontifica Lateranense di Roma. Insegnante di Religione Cattolica presso le scuole secondarie di secondo grado, giornalista pubblicista, è molto attivo nel sociale e impegnato nella pastorale universitaria della Diocesi di Isernia-Venafro. Collabora con la rivista di didattica e pedagogia Ermes Education – Interpretare il cambiamento e il periodico di spiritualità cattolica Spiritus Domini dei Padri Vocazionisti. Tra le sue pubblicazioni: Dall’esilio all’esodo. La fede esposta all’incertezza dei tempi nuovi, Rubbettino, Soveria Mannelli (CZ) 2015; Abitare la terra con lo sguardo di Dio. Don Giustino Russolillo: spiritualità e messaggio, Paoline, Milano 2017; Abitare le fragilità. L’ermeneutica esistenziale come risposta alla paura dei tempi, Elledici, Torino 2018; Lezione… di vita. Per una nuova stagione del mondo, Piccolo Carro, Torino 2020; Ricostruire. Una paideia per la vita: l’ermeneutica esistenziale, Edizioni Ermes Education, Amazon publishing 2021; L’amore che nutre la vita. Il Vangelo a piedi: don Giustino Russolillo, Edizioni San Lorenzo, Reggio Emilia 2022.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

www.corrieresport.it Registro stampa n 726/2020 del 30/06/2020 Tribunale di Campobasso. Direttore Responsabile Alfonso Sticca. Sede legale: Via Liguria 31/B, 86100 Campobasso