Il Città di Isernia è già al lavoro con il pensiero fisso di riscattare la sconfitta ai rigori di Campobasso.

2 min read
Condividi

Nel giorno del raduno, oltre alla dirigenza e staff tecnico, c’è stata la visita piacevole del sindaco Giacomo Apollonio e dell’assessore allo sport Antonella Matticoli.

 

Non è mai facile iniziare una nuova stagione dopo aver fallito per un soffio la vittoria finale. Il Città d’Isernia ci riprova, voglioso più che mai e primo tifoso dell’Isernia il presidente Traisci: “Ci riproviamo, ora più che mai il nostro obiettivo è sempre lo stesso”. Sono le parole del Presidente ai ragazzi riuniti per il primo giorno di lavoro. C’è entusiasmo, ma anche la consapevolezza che non sarà una passeggiata. Ma il team tecnico è convinto che trovare la strada giusta che porta alla promozione in Serie D è sempre la stessa: lavoro e responsabilità. I due concetti che poi portano a fare del gruppo una roccia granitica difficile da scalfire. Il team tecnico ha messo insieme una parte dei calciatori della stagione passata e i nuovi arrivi di qualità, quel tasso tecnico che dovrà dare alla squadra il tocco in più che è mancato nel campionato scorso.

Al ritorno in campo al ‘Lancellotta’ oltre al presidente Traisci e il suo fido Palmegiano, c’è stata la visita piacevole del sindaco Giacomo Apollonio e l’assessore allo sport Antonella Matticoli, che hanno avuto parole di stimolo per il gruppo in vista della nuova avventura. Avere il supporto dell’Amministrazione comunale fa sempre piacere, un valore aggiunto per fare bene. Il tecnico Pecoraro ha tenuto a sottolineare che in campo bisogna essere prima uomini e poi atleti. In sostanza, il Città Di Isernia riprende la corsa da dove si era fermato, ciò è dalla finalissima di Campobasso, e questa volta non vuole arrivare a dividere con nessuno il finale di campionato.


Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Direttore Responsabile Alfonso Sticca
Telefono: 3804334618
Testata registrata al Tribunale di Campobasso n.2/2020 R.Periodici n. 726/2020 Cron.