Direttore responsabile: Alfonso Sticca

Due Allenatori Molisani all’…… Acqua & Sapone …….

4 min read
Condividi

 

DAMIANO CIANFAGNA

 

 

 

 

 

 

FAUSTO SCARPITTI

 

 

 

 

 

E’ notizia degli ultimi giorni che il quarantacinquenne tecnico Fausto Scarpitti è approdato alla società Acqua&Sapone Unigross, militante nella massima serie nazionale di calcio a 5. Una grossa soddisfazione per l’allenatore isernino, essere diventato la prima guida della compagine abruzzese, in una delle realtà più belle di questi ultimi anni del futsal nazionale che vanta in bacheca uno Scudetto, 3 Coppe Italia, 2 Supercoppe Italiane e una Winter Cup. L’arrivo nella compagine di proprietà del Cav. Ennio Barbarossa rappresenta un traguardo assai importante per Scarpitti che già lo scorso anno aveva allenato in serie A il CMB Signor Prestito di Calciano in provincia di Matera, dopo tanta gavetta ed una carriera costellata anche di tanti successi. La sua carriera nel calcio a 5 inizia proprio nella sua regione, il Molise, dov’è lo troviamo anche nelle vesti di allenatore giocatore. Dall’anno 2010 inizia a raccogliere i frutti del suo costante lavoro, con l’Aesernia che vince il campionato di C1, per poi approdare in B e conquistare la meritata promozione in A2 nella stagione 2012/2013. Sempre con la squadra della sua città disputa il suo primo campionato di A2. Successivamente la società biancoceleste, non si iscrive al successivo campionato di A2 e Scarpitti accetta la proposta del Venafro in B, centrando i play-off. L’anno successivo, a metà stagione, subentra alla guida dell’Isernia, in B, traghettandolo verso la salvezza per poi ripartire con l’ambizione di vincere: è subito promozione e A2, ma la società, questa volata non senza polemiche, all’ultimo momento, non si iscrive. In un certo senso le disgrazie economiche della “sua” Isernia diventano la sua fortuna in quanto riceve la chiamata del CMB in Basilicata, allora in serie B, per vincere il campionato. Centra il 2° posto e vince i play-off, nel torneo successivo vince la A2 e approda in serie A. Nella passata stagione, chiude a marzo l’esperienza lucana con la sua squadra, fresca neopromossa, piazzata in zona play-off. Il resto è storia di oggi in quanto con una trattativa lampo arriva la chiamata che ti cambia la vita, appunto quella dell’Acqua&Sapone Unigross che decide di investire e scommettere sul tecnico molisano. Più o meno la stessa cosa che è successa nella stagione 2019/2020 ad un altro molisano, il trentacinquenne Damiano Cianfagna, che viene chiamato a guidare la compagine dell’Acqua&Sapone Calcio a 11, militante nel massimo Campionato Regionale di calcio abruzzese! Tra la sorpresa di molti addetti ai lavori dell’Eccellenza abruzzese, circa un anno fa, verso la metà di giugno il patron Vincenzo Vellante annunciava l’ingaggio dell’allenatore campobassano alla guida della prima squadra, dopo tre anni trascorsi da secondo e un anno alla guida degli Allievi Regionali. Scommessa che si è dimostrata vincente in quanto Cianfagna, che aveva il compito di far condurre la squadra ad una tranquilla salvezza, ha portato la formazione verdeoro al sesto posto in classifica, ad un solo punto dai play-off, al momento della sospensione del torneo, con un girone di ritorno da record, con undici risultati utili consecutivi, ed una finale di Coppa Italia sfiorata per un soffio. E’ risultato uno degli allenatori emergenti della massima categoria calcistica abruzzese. Cresciuto calcisticamente nell’Acli CB di Rauso e Toti, Damiano è approdato nella stagione 2000/2001 agli allievi nazionali del Giulianova, dove ha avuto come compagno di squadra Mirco Antenucci, quindi l’anno successivo il ritorno a Campobasso nella Berreti di Berardo, per poi approdare nella stagio 2002/2003 al Lanciano in C1 dove disputa due campionati Berreti, di cui uno vinto, e una presenza in coppa Italia di C. Poi il passaggio in Eccellenza Abruzzese al Pianella, dove vince una coppa Italia regionale. Dopo i terzo crociato rotto, ma con una laurea in Economia e Management in tasca, la decisione di appendere gli scarpini al chiodo e intraprendere l’avventura di allenatore, così a soli 25 anni ottiene l’abilitazione di tecnico UEFA B diventando uno dei più giovani allenatori d’Italia. Un cenno è doveroso per la Scocietà Acqua&Sapone che nasce come un’unica società con sede a Montesilvano, grazie all’amicizia del Cav. Ennio Barbarossa, proprietario dell’omonima catena di negozi distribuita su tutto il territorio nazionale, con il sig. Vincenzo Vellante, proprietario di diverse agenzie della Vittoria Assicurazioni del pescarese. Amicizia datata dall’infanzia e con la passione comune per il calcio. Calcio a 5 e calcio a 11 restano una società con la stessa matricola fino all’approdo della formazione del futsal in A2 avvenuta nella stagione 2007/2008. Dalla stagione successiva l’Acqua&Sapone C5 diventa una S.r.l. e sposta anche la sede sociale nella confinante marina di Città Sant’Angelo, cambiando anche i colori sociali che da verde oro diventano nero azzurri, in omaggio alla città che ospita la nuova sede sociale. Intanto anche l’Acqua&Sapone C11, che conserva i colori sociali verde oro, nella stagione 2012/2013 approda nella massima Serie del calcio Regionale, l’Eccellenza, dove milita ininterrottamente da ben 7 stagioni consecutive. Il legame tra le due compagini rimane comunque saldo e indissolubile, come l’amicizia tra i due patron! Intanto la cronaca ci impone il dovere di segnalare che nella compagine del calcio a 5 abruzzese si registra anche l’ingresso in società dell’Unigross, dell’omonima catena di biancheria intima e abbigliamento, con numerosi punti vendita anche nella nostra Regione.


Condividi
Sviluppato da Use Your Brain

Partita I.V.A. 01770350708 e Iscrizione al registro stampa n. 726/2020 del 30/06/2020 presso tribunale di Campobasso n.2/220

Copyright © Corrieresport.it 2020

Direttore Responsabile Alfonso Sticca Telefono: 3804334618

P