L’Eccellenza si ribella. Lettera al Presidente della Figc Gravina e al Consiglio Federale

4 min read
Condividi

I Presidenti, Dirigenti e calciatori che partecipano al Campionato di Eccellenza sparsi in ogni regione, scrivono al presidente della Figc Gabriele Gravina, al presidente della LND Cosimo Sibilia e a tutti i Componenti del Consiglio Federale che domani aprono i lavori del nuovo quadriennio. La lettera è stata pubblicata sul gruppo Facebook “L’Eccellenza deve ripartire”, che vi proponiamo integralmente.

Al Presidente della FIGC dott. Gabriele Gravina 

Al Presidente della LND dott. Cosimo Sibilia

e a tutti i  componenti del Consiglio Federale

Illustrissimi,

Chiediamo che venga letto ed esaminato il presente documento nel corso della riunione del Consiglio FIGC del 5 marzo 2021 e ringraziamo per l’attenzione.

Siete chiamati a prendere una decisione definitiva per la ripresa o per la fine di questa stagione dei campionati di Eccellenza ma che per noi, calciatori, allenatori, addetti ai lavori, dirigenti,  presidenti, rappresentanti e appassionati del mondo del calcio dilettantistico vale molto di più perché coinvolge le nostre vite, il nostro lavoro e la nostra dignità.  Nei giorni scorsi, con il riconoscimento dei campionati di Eccellenza come d’interesse nazionale, si è riaccesa, inevitabilmente, la speranza di una ripresa, che sappiamo dovrà avvenire in piena sicurezza e secondo i protocolli vigenti in materia sanitaria e per la prevenzione al Covid. Da qui, si è sviluppato un vero e proprio movimento sui social che ha avuto una risonanza mediatica importante, che mira al prosieguo del campionato. Attraverso un confronto quotidiano sulle problematiche e le possibili modalità di ripresa, abbiamo stilato un documento che vorremmo illustrare agli organi preposti per arrivare al più presto ad una risoluzione della questione, che ci auguriamo, possa protendere verso la continuazione della stagione in corso.

L’Eccellenza deve ripartire innanzitutto perché  è un settore che dà lavoro a migliaia di persone:calciatori, allenatori, istruttori, tecnici, magazzinieri, addetti alla manutenzione delle strutture sportive, addetti alla comunicazione. I ristori, bloccati al mese di dicembre, non sono sufficienti, ed in questo momento sono fondamentali finchè non si tornerà alle attività sportive. Una situazione transitoria perchè l’obiettivo è quello di restituire dignità lavorativa e personale contribuendo allo sviluppo dello sport. I campi di calcio, in questo caso di Eccellenza, non sono di certo più pericolosi di campi di altre serie e soprattutto di altre situazioni quotidiane, dove il controllo sugli assembramenti è quasi inesistente. Anzi, rispettando un protocollo, cosa che le società hanno sempre richiesto con forza, si ha la possibilità di controllare maggiormente la situazione e di operare in sicurezza. noltre, anche a livello sociale,è più sicuro chegli atleti siano impegnati sui campi, controllati con tamponi ogni settimana, piuttosto che lasciati in giro per le città. Le società di Eccellenza hanno già sostenuto ingenti investimenti per la stagione 2020-2021, per pagare il fitto dei campi, per l’abbigliamento tecnico, per l’iscrizione e i tesseramenti, per gli anticipi corrisposti ai fornitori e ai collaboratori. Investimenti che, senza ripresa, saranno inevitabilmente persi e potrebbero mettere in seria difficoltà parecchie società di calcio, che potrebbero decidere di abbandonare per sempre. Sono oltre quattro mesi che siamo fermi ed in tutto questo tempo nessuno si è preoccupato di noi, i danni economici ma anche psicologici di questa situazione sono pesantissimi. Questo modo di fare è irriguardoso nei nostri confronti. Dapprima un immobilismo inaccettabile, poi una lentezza straziante degli organi preposti, ora è tempo di avere risposte per il futuro. Non siamo diversi dalla serie D, siamo la quinta serie del calcio italiano e meritiamo rispetto e sicuramente più considerazione. E ci lascia ancor di più amareggiati apprendere che le competizioni di calcio degli enti di promozione sportiva stanno ripartendo. Questo è un danno anche per la stessa FIGC, sia economico che di immagine. Si percepisce che un nodo importante da sciogliere è quello relativo alla copertura economica dei costi della sicurezza. Basta una compartecipazione da parte della FIGC e della LND, un piccolo sforzo. Ma se non si dovesse pervenire ad ottenere un contributo da parte delle istituzioni, se il problema sono i costi da sostenere per il rispetto dei protocolli sanitari, quantificabili in circa 4/5 mila euro a società, siamo disposti a sostenerli direttamente noi. In questa sede, con la decisione che vi apprestate a prendere, avete il dovere di considerare tutto quanto esposto e di tutelare circa 15 mila addetti, dal punto di vista sanitario e dal punto di vista socio-lavorativo. Dovete, inoltre, assumere le responsabilità delle vostre funzioni,  e nella sciagurata ipotesi di chiusura dei campionati di Eccellenza, dovete essere pronti a restituire tutte le spese già sborsate dalle asd/ssd e soprattutto chinare il capo per una delle più grosse sconfitte delle istituzioni che rappresentate che riduce ai minimi termini la reputazione e la fiducia dei sottoscrittori del presene documento e di altre decine di migliaia di sportivi. 

In attesa di un positivo e pronto riscontro, rivolgiamo i più cordiali saluti.

Movimento per la ripresa del campionato di Eccellenza

Firmato

  1. Antonio Gargiulo, presidente Napoli United
  2. Cristina Costantino Presidente Polisportiva Virtus Matino
  3. Menicucci Ettore Direttore Generale AC Pavia 1911
  4. Maurizio Verdicchio, presidente Maddalonese,
  5. Pietro Di Costanzo, presidente Pianura Calcio
  6. Michele Lattanzio, vice presidente Asd Barletta 1922
  7. Ciro Borriello, Assessore allo Sport del Comune di Napoli
  8. Massimo Morgia Allenatore Vigor Lamezia
  9. Francesco Farina allenatore Asd Barletta 1922 (Nella foto)
  10. Giuseppe Trinchillo presidente Acerrana
  11. Luciano Soldano, presidente Asd Martina calcio 1947
  12. Paola Coia presidente AC Tuttocuoio 1957
  13. Valerio Sisti presidente Asd Cascina
  14. Guidi Giacomo Direttore Generale US POGGIBONSI
  15. Antonio Sacco, dirigente Accompagnatore, atletico lodigiani
  16. Antonio Mirra dirigente buccino volcei
  17. Frassetto Stefano Dirigente Siracusa Calcio
  18. Francesco Lanzetta segretario US Faiano 1965
  19. Luciano Arciello Calciatore Us Angri
  20. Jacopo Colangelo Calciatore Assisi subasio
  21. Ciprian Dombrovoschi Calciatore Asd Ilvamaddalena valcio
  22. Antonio Conte calciatore Barano Calcio

 


Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Direttore Responsabile Alfonso Sticca
Telefono: 3804334618
Testata registrata al Tribunale di Campobasso n.2/2020 R.Periodici n. 726/2020 Cron.