Direttore responsabile: Alfonso Sticca

Per Fabio Emanuele la conquista del titolo tricolore parte con un terzo posto

2 min read
Condividi

Parte con un buon terzo posto finale il campionato italiano slalom 2020 per Fabio Emanuele. Il driver della Campobasso Corse, a bordo della sua fida Osella Pa 9/90, ha chiuso sul terzo gradino del podio il Trofeo Vulture Melfese, gara di apertura del tricolore. E’ stata una domenica speciale perché ha segnato il ritorno alle gare dopo la sosta forzata della passata stagione con il Covid 19 a costringere ad un lungo stop tutti, sportivi e non. A Melfi, nel primo appuntamento titolato della stagione tra i birilli, la vittoria è andata a Salvatore Venanzio (Radical SR4) che ha preceduto il locale Puglisi (anche lui su Radcal) e il nostro Emanuele. Il forte driver molisano ha di che essere soddisfatto viste le distanze minime da chi lo ha preceduto. I sei decimi da Venanzio e i quattro da Puglisi confermano che il campione in carica potrà sicuramente togliersi delle grandi soddisfazioni anche in questa stagione. E’ stata una domenica particolare per Emanuele che nell’arco della gara ha dovuto fare i conti con qualche problema. Nella manche di ricognizione, alla settima birillata, ha perso il cofano posteriore ed è stato costretto a rallentare parecchio; nella prima manche a frenare il molisano ci ha pensato il blocco dell’elettroguida che ha reso lo sterzo dell’Osella molto duro e difficile da gestire. Nel secondo tratto cronometrato Emanuele ha fatto delle regolazioni alla vettura ma qualcosa non è andato per il verso giusto e infine nella terza manche, con gomme nuove, ha provato a guadagnare ulteriore terreno in classifica ma non ci è riuscito. “Diciamo che con sole due manche non sono stato ottimale nella regolazione della vettura – spiega Emanuele alla fine della corsa – ma abbiamo chiuso a sei decimi dal primo e a quattro dal secondo e va benissimo così. Sapevo che questo percorso non era molto congeniale alla mia vettura non essendoci forte pendenza e di conseguenza non c’erano differenze di motore da poter fare, anzi. Con tornanti stretti e corti si faceva difficoltà nel girare. Voglio però sottolineare – chiosa il molisano – che è stata una bellissima domenica, dal primo all’ultimo della classifica hanno vinto tutti perché si è tornati a correre dopo la sosta forzata per il Covid 19”.


Condividi
Sviluppato da Use Your Brain

Partita I.V.A. 01770350708 e Iscrizione al registro stampa n. 726/2020 del 30/06/2020 presso tribunale di Campobasso n.2/220

Copyright © Corrieresport.it 2020

Direttore Responsabile Alfonso Sticca Telefono: 3804334618

P