Calcio Serie D. Vastogirardi, Merkaj: «Mostriamo un bel gioco, non siamo inferiori a nessuno»

3 min read
Condividi

Il bomber albanese: «Dopo la salvezza cercheremo di restare in zona playoff»

VASTOGIRARDI.  Silvio Merkaj, classe ’97, di origini albanesi, è il capocannoniere del girone F con 13 reti segnate. Al momento divide il trono dei bomber con Banegas del Notaresco e Cardella del Cynthialbalonga, ma per alcuni turni è stato solo in vetta alla classifica. L’attaccante, che vanta precedenti esperienze in serie D con Foligno, Igea Virtus, Gelbison e Bitonto, ha siglato 41 gol in carriera e finora ha trascinato gli alto molisani in zona playoff. È uno degli acquisti mirati della società gialloceleste che con umiltà, passione e duro lavoro è cresciuta nel tempo. Da piccolo club di provincia, dopo la storica promozione in serie D, ha conquistato la salvezza senza patemi e nella seconda stagione consecutiva è riuscita subito a proiettarsi tra le big del girone. Una campagna acquisti condotta facendo scelte oculate, senza spese folli, senza puntare su nomi altisonanti e soprattutto senza proclami e grandi campagne di marketing e comunicazione, perché è con i risultati che si scrive la storia.

È stato proprio il tecnico Fabio Prosperi a segnalare alla dirigenza alto molisana bomber Merkaj, che insieme ad altri elementi di spessore sta consentendo alla squadra di disputare una stagione al di là delle aspettative.

Merkaj, che ambiente ha trovato a Vastogirardi?

«Un ambiente tranquillo composto da persone perbene e soprattutto competenti come il mister, il direttore Crudele e Marinucci Palermo. Difficile oggi trovare persone così in questo mondo. Loro hanno puntato su giocatori validi senza basarsi sui numeri o sui soliti nomi come molti tendono a fare a fine stagione. Hanno formato un bel gruppo di giovani con una età media di 23 anni e i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Vastogirardi rappresenta un trampolino di lancio per tutti noi».

Parliamo della gara con il Montegiorgio, un’occasione sfumata per blindare la salvezza. Cosa è mancato per vincere?

«L’abbiamo approcciata bene rischiando un po’ nei primi minuti. Poi abbiamo avuto un paio di occasioni create da me, con due tiri da fuori di cui uno parato egregiamente dal portiere e un colpo di testa del capitano Ruggieri sugli sviluppi di un corner. Se dopo dieci minuti del secondo tempo non fosse stato espulso il nostro difensore, il match sarebbe andato in modo diverso. In dieci non abbiamo mai mollato e avremmo anche potuto pareggiare dopo che loro hanno trovato il gol su punizione. Ma sono convinto che l’espulsione abbia condizionato tanto la partita. Abbiamo sofferto un po’ in quei quaranta minuti in inferiorità numerica».

Mancano ancora tante gare, come si prospetta il finale di stagione per il Vastogirardi e quali sono gli avversari da temere?

«Spero che la salvezza arrivi il prima possibile, le prossime tre partite saranno decisive. Dovremo affrontare squadre ostiche come l’Aprilia e il Campobasso. Se riusciamo a rimanere lassù fino alla fine della stagione cercheremo di arrivare tra le prime cinque. Ci sono comunque avversari da tenere d’occhio come il Castelfidardo e l’Albalonga».

Qual è la forza di questo club?

«Il grande gruppo che abbiamo formato. Siamo tutti ragazzi della stessa età, supportati da giocatori con più esperienza come Ruggieri e Pesce, figure importanti. In campo sfoggiamo un bel calcio, non abbiamo nulla da invidiare a quelli che ci superano in classifica e che abbiamo messo sempre in difficoltà come Campobasso, Notaresco, Albalonga e Castelnuovo. E poi ci sono i tifosi che non mancano mai di farci sentire il loro supporto».

Dopo l’Aprilia affronterete il Campobasso, che partita sarà?

«Sicuramente una partita molto complicata, gli daremo filo da torcere e cercheremo di riprenderci quello che ci è stato tolto all’andata. Loro hanno vinto, ma con qualche episodio molto dubbio. Vogliamo riprenderci almeno un punto, se non tutta la posta in palio». Il Campobasso è avvisato.

                                                                                                                                                            Giu.Cri.


Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Direttore Responsabile Alfonso Sticca
Telefono: 3804334618
Testata registrata al Tribunale di Campobasso n.2/2020 R.Periodici n. 726/2020 Cron.