Condividi

“Un giorno la paura bussò alla porta. Il coraggio andò ad aprire e non trovò nessuno.

MARTIN LUTHER KING

 Gocce di consapevolezza

L’emozione più forte che in questo momento sta circolando e viviamo è quella della “Paura”.

Paura non solo legata al contagio, ma anche quella rivolta al domani.

Vivere un’emozione così forte e non gestirla vuol dire identificarci in essa e rafforzarla sempre più, nutrendola giorno dopo giorno.

Nutrirla, significa darle spazio dentro di noi e farci governare da essa.

Cosa fare?

Guardarla, agire con “coraggio”, per iniziare ad esplorare ciò che ci spaventa, quindi abbandonare la zona comfort ovvero tutte quelle abitudini che mettiamo in atto e che non ci provocano stress, proprio perché è la routine.

“Coraggio” significa agire con il cuore ed è questo ciò che la paura in genere ci impedisce di fare, relegandoci in uno spazio di solitudine e chiusura.

Liberiamoci, dunque, dalle nostre ombre iniziando ad imparare ad ascoltare quella voce interiore, che ha sede nel cuore e che sa quello è meglio per noi. Non è facile, perché quando parliamo di paura inevitabilmente chiamiamo in causa la nostra vulnerabilità.

Impariamo a conviverci, sapendola  accogliere perché è solo una parte di noi che vuole essere vista.


Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Direttore Responsabile Alfonso Sticca
Telefono: 3804334618
Testata registrata al Tribunale di Campobasso n.2/2020 R.Periodici n. 726/2020 Cron.

error: Il contenuto è originale e coperto da copyright.