28 Novembre 2022

CALCIO A 5 B – Lo Sporting Venafro alla ricerca di continuità nella trasferta ischitana

3 min read

Mister Gennaro Rizzo

Una conclusione di Iacovino

Sbloccata, finalmente, la classifica dopo il pari di sabato scorso al PalaPedemontana contro il Sulmona e ritrovando nelle rotazioni un elemento del calibro di Adriano Foglia (reduce da due turni di stop per squalifica), è tutt’altro Sporting Venafro quello che si prepara per affrontare il confronto della quinta giornata di campionato recandosi nell’isola verde, ossia Ischia, per andare ad affrontare la Virtus Forio che, per questa stagione, ha mutato la propria designazione trasformandola in Virtus Libera Isola d’Ischia.

Antagonista con la medesima classifica dei bianconeri, il quintetto ischitano troverà un’avversaria particolarmente determinata.

«Dentro di noi – riflette alla vigilia il tecnico dei bianconeri Gennaro Rizzo – c’è voglia di dare continuità a quel punto di sabato scorso. Una gara, quella con il Sulmona, che ci ha lasciato del rammarico per la piena consapevolezza di aver lasciato due punti sul campo, più sotto l’aspetto mentale per quello che era il vantaggio di tre reti a nostro favore che dal punto di vista fisico o tattico».

Il poter contare nuovamente su Adriano Foglia, però, dare ulteriori certezze a tutto il team. «Senz’altro è un’arma in più ed un vero e proprio lusso per la categoria, però, da parte mia, mi sento di sottolineare come il gruppo, durante la sua assenza, ha comunque saputo tener testa alle avversarie ed è questo il segnale più evidente che, con la sua presenza, abbiamo tutte le carte per poter spiccare il volo. Ci crediamo, la abbiamo fatto dal primo momento ed il solo punto ottenuto sinora è principalmente frutto di episodi che fanno parte di un percorso di formazione e non del gioco espresso in campo da questi ragazzi».

Da un punto di vista complessivo, in vista della contesa in terra campana, non ci sono squalificati, né si segnalano assenze per problematiche di carattere fisico all’interno del gruppo venafrano.

«Ci stiamo allenando bene e lavoriamo con tanta continuità. Il gruppo è sempre più compatto ed io – prosegue Rizzo – sono orgoglio di questa quadra. Abbiamo saputo fare di necessità virtù, sopperendo a delle defaillance non da poco come quelle legate alle assenze di Adriano Foglia, Giliberti e Monnola, elementi con diversi minuti nelle gambe sul fronte delle nostre rotazioni. Del resto, e questo torneo ce l’ha testimoniato ulteriormente, si vince di gruppo. E, a fronte di queste situazioni, il nostro si è compattato ulteriormente ed ha ragionato di collettivo impegno dopo impegno, dando vita a prove che, al di là del risultato, ci hanno fatto felici per impegno e forza di volontà».

Ora, però, ci sarà da passare all’incasso con il bottino pieno sin dall’appuntamento ischitano. «Quanto alla Virtus Libera non voglio considerare il confronto di Casagiove perché, in un impianto così ampio, anche loro hanno dovuto fare i conti con l’adattamento di chi si disimpegna in strutture dalle dimensioni maggiormente ridotte. Tra le mura amiche, per quello che è stato il lavoro di scouting fatto su di loro, ho avuto modo di scrutare una squadra più aggressiva e meno attendista, determinata, immagino, al pari nostro, nel voler smuovere la classifica».

In tal senso, per Rizzo, in campo dovrà scendere «uno Sporting Venafro più determinato e convinto dei propri mezzi, consapevole di voler iniziare la risalita e guadagnare posizioni in classifica proseguendo su quella che è la strada che stiamo portando avanti sin da agosto».

Ad Ischia si giocherà con inizio anticipato alle ore 15 per permettere alla delegazione bianconera di rientrare al meglio sulla terra ferma. Direttori di gara designati per la circostanza i pugliesi (entrambi di Molfetta) Sergio De Gennaro e Mirko Girolamo Cantatore con cronometrista il partenopeo Nicola Tartarone.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Direttore Responsabile Alfonso Sticca
Telefono: 3804334618
Testata registrata al Tribunale di Campobasso n.2/2020 R.Periodici n. 726/2020 Cron.